Anna aveva deciso fermamente che se avesse dato alla luce un bambino, lo avrebbe sicuramente dato in adozione, tutto è cambiato in un attimo

Notizie interessanti

Anna era una ragazza introversa. La biblioteca universitaria era il suo posto preferito dove trascorrere il tempo.

Quella sera è rimasta fino a tardi in biblioteca. Se n’è andata tardi e ha deciso di prendere una scorciatoia attraverso una zona desolata.

È stato lì che uno stupratore l’ha raggiunta e ha approfittato della situazione. È scappato così in fretta che Anna non si è nemmeno accorta della sua faccia.

Le conseguenze sono diventati evidenti un mese e mezzo dopo, quando Anna ha scoperto di essere incinta.

Il medico ha insistito per portare avanti la gravidanza, spiegandole che se l’avesse interrotta adesso, forse non sarebbe mai riuscita a diventare madre.

Anna ha accettato con riluttanza di partorire, pensando che avrebbe dato il bambino in adozione dopo il parto.

In questa fase, la sua priorità era l’istruzione, non avere a che fare con un bambino.

Tuttavia, quando ha visto suo figlio nel reparto maternità, qualcosa dentro di lei è cambiata.

Due anni dopo, Anna rabbrividiva al pensiero di lasciare suo figlio in un orfanotrofio.

Oggi è certa che rinunciarvi sarebbe stato l’errore più grande della sua vita.

Non ha rimpianti ed è incredibilmente felice di avere un figlio come lui. è altrettanto felice di vivere con sua madre. Passeggiano per il parco, madre e figlio.

Vota l’articolo
Per favore condividi con i tuoi amici:
Aggiungi Un Commento