Come un uomo spaventato dall’altezza si è gettato da 25 piedi nella Baia di Assawoman per salvare una bambina di due anni dall’annegamento

Storie Positive

Quando uno dei padri coinvolti in un incidente stradale ha notato una bambina piccola nella Baia di Assawoman, è prontamente agita per salvare la piccola.

L’incidente che è avvenuto a Ocean City, nel Maryland, sul ponte della Route 90, assomigliava a una scena da film horror.

Dopo una collisione che ha coinvolto numerosi veicoli, una bambina di due anni è stata sbalzata fuori dall’auto.

È saltata dal parapetto e si è tuffata nell’acqua della Baia di Assawoman da un’altezza di 25 piedi.

Il più improbabile degli eroi sarebbe arrivato in soccorso proprio quando era difficile ottenere aiuto.

Ava Bauer, la figlia tredicenne di Jonathan Bauer, insieme ad altri partecipanti all’incidente, è stata coinvolta nella situazione.

Nonostante entrambi fossero stupiti l’uno dell’altro, erano entrambi in buona salute.

Bauer ha sentito l’impulso di intervenire immediatamente quando ha notato successivamente la bambina galleggiare in acqua.

Ignorando la caduta di 25 piedi di fronte a lui, Bauer si è tuffato di testa nell’acqua della baia.

Ha sollevato la bambina sulle sue spalle e gli ha sfregato la schiena per accertarsi che fosse sveglia.

La bambina è stata portata in elicottero al Johns Hopkins Children’s Center, dove fortunatamente si è scoperto che stava bene.

Le è stata offerta una visita alla cabina di pilotaggio di un caccia F-16 dai Thunderbirds dell’Aeronautica Militare nell’ambito dell’iniziativa “Eroe del proprio paese”.

Vota l’articolo
Per favore condividi con i tuoi amici:
Aggiungi Un Commento