Giovane madre pronta a prendersi cura del figlio con una sindrome rara: condivide la loro routine quotidiana

Notizie interessanti

Valérie, una donna di 23 anni, ha avuto una gravidanza molto ordinaria.

È stato solo durante il parto che la giovane madre si è resa conto dalla reazione dei medici che c’era qualcosa che non andava con il suo bambino.

“Dopo il parto, ho perso conoscenza. I medici erano più scioccati di me.

Hanno detto che il bambino non aveva le dita, quindi l’ho detto a mio marito. Nonostante ciò, non mi sentivo infelice”, ha raccontato la giovane donna a StarHit.

Al neonato è stata diagnosticata la sindrome di Apert, una condizione genetica caratterizzata da uno sviluppo anomalo del cranio e delle mani.

Dopo la diagnosi, Valérie non si è arresa e lei e suo marito hanno deciso di fare tutto il possibile per garantire che il loro bambino potesse sopravvivere e essere curato.

Ci sono stati diversi interventi per il bambino di un anno. Ma, i coniugi pensano di poter gestire tutto.

“Abbiamo già fatto interventi chirurgici alla testa e alle dita sinistre”. Per queste operazioni, i genitori del bambino hanno raccolto fondi.

Valérie sostiene che bisogna accettare il proprio figlio così com’è, poi gli altri lo accetteranno anche.

Non c’è bisogno di nasconderlo al mondo, bisogna lasciarlo adattare alla società. Essere madre di un bambino speciale è il lavoro più difficile, la cosa principale è continuare a lottare.

Vota l’articolo
Per favore condividi con i tuoi amici:
Aggiungi Un Commento