La bambina con la sindrome di Down è stata respinta da venti famiglie, guarda cosa è successo dopo

Gentilezza

Dalla nascita erano destinate difficili prove alla piccola Alba.

Appena la giovane madre aveva visto la sua piccola neonata, non aveva avuto dubbi sul fatto che non avesse bisogno di un bambino del genere.

Aveva la sindrome di Down ed era un’orfana. In seguito, ha avuto almeno venti potenziali genitori adottivi, ma alla fine nessuno di loro ha deciso di legare la propria vita a una piccola “speciale”.

Ma due anni fa, Alba ha avuto comunque una famiglia atipica.

Luca Trapanese, 40 anni, non ha né genitori né figli. In Italia, l’adozione di bambini da parte di famiglie monoparentali è un processo complesso.

Ma i servizi sociali hanno acconsentito al desiderio di Luca, e lui ha portata a casa la bambina di 13 giorni. Forse l’ha aiutato la sua esperienza pluriennale in una struttura di cura speciale.

Questo lavoro gli ha insegnato pazienza, empatia e la capacità di comunicare con persone malate. Ha superato molte istanze e interviste per ottenere il diritto di diventare papà di Alba.

E per due anni la ragazza è cresciuta in un ambiente familiare felice.

Luca la sta crescendo da solo, ma spera di incontrare qualcuno che voglia condividere con lui la gioia della paternità.

Alla sera, gode della compagnia della sua allegra figlia, a cui piace giocare e ballare, e entrambi si sentono felici.

Vota l’articolo
Per favore condividi con i tuoi amici:
Aggiungi Un Commento